Il progetto di accoglienza nato ad Asti ha appena compiuto tre anni e si sta diffondendo come modello anche a Roma, Bratislava, riscuotendo adesioni addirittura in America e Australia

Albergo Etico è un modello turistico ideato ad Asti che punta a "conquistare" il mondo. L'Associazione Albergo Etico è nata nel 2009 da un'intuizione di alcuni amici provenienti da settori diversi e intenzionati a dare il proprio contributo per migliorare la società in cui vivono. La cooperativa sociale Download, naturale evoluzione dell’associazione, è oggi una realtà vivace, in costante crescita, punto di riferimento per l’accoglienza turistica accessibile ad Asti e, soprattutto, pioniera nei progetti di autonomia personale e professionale di ragazzi con sindrome di Down e disabilità intellettiva.

"Uno sguardo al presente grazie a un team in costante crescita, frutto della collaborazione di competenze diverse, Etico sta ottenendo importanti risultati non solo ad Asti, dove è nato, ma nel mondo, grazie all'esportazione di un progetto vincente - come spiega Alex Toselli, presidente della Cooperativa Sociale con una lunga esperienza nel settore finanziario e diversi ruoli di responsabilità nel ramo corporate and investment banking -. L'esperienza di questi tre anni ci ha consentito il salto di qualità. Adesso il mondo ci guarda come esempio virtuoso di impresa sociale, capace di abbinare turismo di qualità a reale inclusione sociale. In fondo, abbiamo anche il coraggio di mostrare che l'innovazione sociale può puntare anche sulla qualità di vita di tutti e provare a ricercare il talento anche nelle persone più fragili. Insomma, stiamo tentando di disabilitare i limiti e i risultati ci danno ragione".

Albergo Etico vuole essere un esempio di impresa sociale replicabile in altri contesti territoriali, italiani e non solo, perché più alberghi etici vuol dire più possibilità di formazione e inserimento lavorativo per persone con Sindrome di Down o disabilità intellettiva. Solo creando occasioni di vera integrazione si può raggiungere l'obiettivo di esercitare il proprio diritto di cittadinanza attiva. Il processo di sviluppo del modello, acquisita l’esperienza astigiana, intende quindi rivolgersi a nuove sfide.

Nell'autunno 2018 aprirà la nuova struttura a Roma, situata nella splendida cornice del quartiere Flaminio, in via Pisanelli, a pochi passi da piazza del Popolo, in pieno centro storico, e potrà contare su un’offerta di 17 camere con servizio di bar e ristorazione. È atteso il coinvolgimento di circa 75 persone con disabilità, 35 imprenditori del settore alberghiero e 5 nuovi imprenditori sociali nei primi 18 mesi di percorso accademico.

Infine, si punta alla formazione di nuove figure professionali: revenue disability management, esperti in comunicazione turistica accessibile, marketing alberghiero sui bisogni speciali, caffetteria e bar service mediati, professionisti della cucina con moduli dedicati all’affiancamento di risorse con disabilità. L'apertura a Roma è stata possibile grazie alla possibilità di intervento di un gruppo imprenditoriale romano, la famiglia Pelosi, attiva da anni nel settore alberghiero, che ha portato al recupero di un immobile religioso semi-abbandonato, ristrutturato e pronto a essere utilizzato da settembre 2018. Sono stati inoltre perfezionati gli accordi di collaborazione indiretta con altre tre strutture in Italia, disponibili ad accogliere le persone con disabilità intellettiva in qualità di operatori qualificati. Uno sguardo al futuro, nel mondo Etico al contempo cresce anche nel mondo. Forte dell’immagine positiva ed innovativa del progetto, ha infatti intercettato la volontà di cambiamento nel segno di una vera inclusione sociale. Stanno infatti fiorendo realtà di Albergo Etico in Argentina (Villa Carlos Paz), negli Stati Uniti (Miami), in Norvegia, Spagna, Slovacchia (Bratislava) e in Australia (Sydney e Blue Mountains), perché Albergo Etico crede nella possibilità di cambiare le cose, renderle più aperte, inclusive, ricche di progetti di crescita, che guardino al futuro con speranza e ottimismo.

Project Etico Australia Rebecca Scott CEO e Co founder di Streat

Nei giorni scorsi Toselli è stato a Glasgow al congresso mondiale sulla sindrome di Down, che si tiene ogni tre anni, e quest'anno si è tenuto nella città scozzese. Il prossimo sarà a Dubai nel 2020, anticipato per il collegamento con l’Expo. Nel corso di questo congresso si incontrano più di 1000 delegati da tutto il mondo, in rappresentanza di più di 60 Paesi. Quest’anno il tema centrale è stato come raggiungere l’indipendenza per le persone con sindrome di Down e Albergo Etico figurava tra le esperienza di best practice in tema di inclusione sociale, confrontandosi con Field of Dreams, un’impresa sociale di Cork, Irlanda: "Sempre emerge il desiderio delle persone con sindrome di Down di avere un lavoro, di essere retribuiti e di avere amici e sentimenti: dovrebbe essere la normalità". Sempre in questo periodo Toselli è volato in Australia per Project Etico Australia, dove ha incontrato Rebecca Scott, ceo e co-fondatrice di Streat, importante impresa sociale di Melbourne in cui persone svantaggiate vengono impiegate in bar, ristorante, pasticceria, produzione caffè, catering e molto altro. Proprio nella terra dei canguri è prevista l'apertura di Etico nel 2019. 

Considerando la piena attività del progetto negli ultimi tre anni, sono state coinvolte quasi 60 persone con disabilità intellettiva, con una percentuale di stabilizzazione lavorativa successiva al termine del processo Download vicina al 75%. La cooperativa sociale Download ha raggiunto l’utile di esercizio nel secondo anno di attività, utilizzando la marginalità positiva per incrementare le attività di supporto sociale e la crescita dell’Accademia dell’Indipendenza. L’Unione Europea ha riconosciuto Albergo Etico ed il progetto Download come esperienza di valore nell’ambito dell’inclusione sociale e come soggetto capace di cambiare le prospettive della società. Solo in Italia vivono circa 35.000 persone affette da sindrome di Down, per le quali le statistiche attuali attribuiscono un grado di occupazione stabile non superiore al 16%. Albergo etico è stato quindi in grado di impattare in modo significativo su questo campione, consentendo a un'ampia platea di persone con disabilità intellettiva di trovare stabilità lavorativa, soprattutto nella fascia 18-35 anni.

Ulteriori informazioni su progetti e mission di "Etico" si trovano sul sito internet: www.albergoetico.it 

Emanuele Franzoso

Emanuele Franzoso

Twitter @EFranzoso