Pignola

La Regione lucana finanzia servizi e tecnologie in 20 Comuni, per migliorare la vita dei residenti e quindi anche dei visitatori

Il turismo funziona se alla base c’è la soddisfazione della popolazione residente. Un territorio capace di erogare servizi di qualità per i suoi residenti è senza dubbio un buon incipit per la promozione turistica.

In Basilicata sono stati messi a disposizione dei Comuni 2,7 milioni di euro per creare servizi funzionali per sviluppare il territorio sia dal punto di vista turistico che sportivo, ricreativo e sociale. Al momento sono stati ammessi a finanziamento 20 Comuni che grazie al PSR Basilicata avranno l’opportunità di creare servizi per essere più funzionali, introducendo tecnologie digitali per lo sviluppo del territorio sotto vari aspetti.

In particolare verrà incrementato il settore turistico, con l’introduzione di tecnologie per sviluppare pacchetti turistici in 16 Comuni, 13 strutture pubbliche consentiranno di fruire al meglio del territorio, verranno realizzati 10 chioschi informativi e multimediali e inoltre saranno realizzati 10 itinerari turistici e ricreativi. Tutte queste azioni hanno l’obiettivo di rafforzare la conoscenza dell’offerta turistica e storico culturale della Basilicata e in particolare permetteranno alla popolazione residente di ottenere maggiori servizi ricreativi e sociali.

La lotta allo spopolamento delle aree interne passa attraverso i provvedimenti finanziabili dal PSR Basilicata e ad oggi delle 21 domande ammesse e finanziabili, il 76% provengono dai Comuni della Provincia di Matera ed il 24% dalla Provincia di Potenza. Sta per essere avviata la fase istruttoria della seconda finestra, per la quale le domande presentate sono state 39. Gli investimenti dovranno essere terminati entro un anno dalla sottoscrizione e dovranno terminare le opere entro 24 mesi.