3,2 miliardi di prenotazioni in Unione Europea nel 2017, in crescita costante dal 2009 a oggi

L’Italia sale sul podio di una classifica Ue legata al turismo. Nel recente studio realizzato da Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione europea, è stato monitorato e misurato il numero di notti trascorse in Ue nel 2017.

Il nostro Paese ha totalizzato 425 milioni di notti, con un incremento del +5,4% posizionandosi davanti alla “locomotiva d’Europa”, la Germania (400 milioni, + 2,7% ) e dietro solo a Spagna e Francia, rispettivamente con 471 (+3,6%) e 431 (+6,6%) milioni di notti. Complessivamente infatti sono 3,2 le miliardi di notti trascorse in Ue l’anno scorso con una crescita complessiva del 5,1% rispetto al 2016 e una tendenza costante all’incremento dal 2009 oggi. Si stratta delle prime stime pubblicate da Eurostat che comprendono le notti spese per lavoro o tempo libero.

Il maggiore incremento di notti trascorse in alloggi turistici nel 2017 – dato in crescita in quasi tutti gli Stati membri per cui sono disponibili i dati – è stato registrato in Lettonia (+ 12,0%), Slovenia (+ 11,3%) e Croazia (+10,6), seguono il Portogallo (+ 8,0%), la Repubblica ceca (+ 7,7%) e Cipro (+ 7,3%). Fanalino di coda il Lussemburgo, addirittura in negativo rispetto a due anni fa (-1%) per un totale di 28 mila pernottamenti.

Tutti i dati a questo link